(PSE) Polo sportivo e degli eventi, Lugano - progetto Sigillo degli architetti Giraudi, Radczuweit, Cruz e Ortiz, spazi pubblici (© 2021Città di Lugano)

PSE: dalle urne il futuro di una città

Con Roberto Antonini

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
 

Si deciderà dunque il 28 novembre alle urne il destino del progetto del Polo sportivo e degli eventi con il quale il Municipio di Lugano mira a realizzare una struttura all’avanguardia per garantire alle società sportive strutture moderne e conformi anche alle esigenze delle leghe nazionali. Un investimento globale che dovrebbe ammontare a 400 milioni finanziato da una partnership tra la città e privati (HRS e Credit Suisse) e che prevede in particolare un’arena e un palazzetto dello sport, due torri, un parco pubblico, un autosilo e tre palazzine.  Un’occasione da non perdere per il Municipio e la maggioranza del Consiglio Comunale, uno spreco di denaro pubblico con un impatto urbanistico negativo secondo i referendisti del Movimento per il Socialismo (MPS) e altri oppositori.
Sta di fatto che la decisione dei votanti determinerà il futuro di un’intera città.
Millevoci propone un confronto di idee su quello che appare come il progetto più importante degli ultimi decenni nel Canton Ticino.

Ospiti:
Dario Galimberti, architetto
Sandra Giraudi, architetta che con lo studio Cruz y Ortiz e il collega Thomas Radczuweit ha vinto nel 2013 il concorso internazionale di architettura indetto dalla Città
Eugenio Jelmini, portavoce dell’associazione “Io Sostengo il Polo
Matteo Poretti, membro del comitato referendario