Denis Vaucher e Claudius Schäfer
Denis Vaucher e Claudius Schäfer (freshfocus)

Condizioni dure, ma accettabili

Il mondo dell'hockey e del calcio non si tirano indietro

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Se i contributi a fondo perso concessi allo sport professionistico hanno soddisfatto tutti, la riduzione del 20% dei salari oltre i 148'000 franchi imposta dal Consiglio federale come condizione fa un po' discutere. "Gli stipendi nel calcio svizzero non sono così alti, è uno stereotipo - ha detto il CEO della Swiss Football League Claudius Schäfer - e i club quest'anno sono già corsi ai ripari proponendo retribuzioni più basse del 15-20%".

Questa decisione aiuta un mondo, quello dello sport, in grande difficoltà e ne riconosce il significato Claudius Schäfer

"Penso che si possa convivere con queste condizioni - ha sottolineato Denis Vaucher, direttore di National e Swiss League - Sono dure, ma bisogna ricordare che si tratta del denaro dei contribuenti. Ognuno deve fare la sua parte, club e giocatori, anche se forse sarebbe meglio ridurre del 20% la massa salariale e non ogni singolo stipendio".

È un bel giorno per lo sport svizzero Denis Vaucher

Condividi