Quattro medaglie ai Giochi paralimpici
Quattro medaglie ai Giochi paralimpici (Reuters)

La malattia spegne la forza di Vervoort

Troppe sofferenze, l'atleta paralimpica è morta per eutanasia

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'atleta paralimpica Marieke Vervoort, campionessa nei 100m ai Giochi di Londra del 2012, si è spenta martedì all'età di 40 anni in seguito ad eutanasia. Affetta da una malattia degenerativa rara, la belga aveva annunciato questa sua decisione già a Rio de Janeiro nel 2016, nel caso le sue condizioni e le sue sofferenze si fossero aggravate.

Dopo che le è stata diagnosticata la malattia, quando aveva 14 anni, Vervoort ha deciso di consacrare la sua vita allo sport, praticando basket su sedia a rotelle, nuoto e triathlon. È stata campionessa mondiale di paratriathlon nel 2006 ed ha partecipato all'Ironman delle Hawaai nel 2007 ma presto questa disciplina si è rivelata troppo esigente e a partire dal 2012 si è buttata sull'atletica andando verso una pioggia di successi: tre titoli mondiali e quattro medaglie olimpiche (oltre all'oro anche due argenti e un bronzo).

In settembre Vervoort, soprannominata Wielemie, dopo aver sfrecciato sul circuito di Zolder a bordo di una Lamborghini Huracan Race aveva dichiarato: "Ho potuto realizzare parecchi sogni nella mia vita, ma questo era l'ultimo".

Condividi