Un momento indimenticabile
Un momento indimenticabile (Keystone)

"A Dublino ho lasciato un pezzo di cuore"

Fabio Celestini ricorda la decisiva rete siglata con la Svizzera in Irlanda

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Dublino, 16 ottobre 2002: all'oggi demolito Lansdowne Road va in scena un match cruciale per la Nazionale rossocrociata, alla disperata ricerca di punti che mantengano vivo il sogno di acciuffare la qualificazione agli Europei portoghesi del 2004. A cinque minuti dal termine, con il punteggio bloccato sull'1-1, Köbi Kuhn opera una sostituzione per certi versi curiosa: fuori la fantasia di Hakan Yakin, realizzatore della rete di apertura, dentro la sostanza di Fabio Celestini, raramente impiegato nella campagna qualificativa. Mai scelta fu così determinante: due minuti più tardi, ricevuta palla al limite dell'area da Stéphane Chapuisat, don Fabio scarica in porta una precisa conclusione che fa esplodere di gioia il clan elvetico.

L'attuale tecnico del Lugano rievoca con piacere tali attimi: "Ho avuto poche possibilità di essere felice in Nazionale, dunque cerco di tenermi stretto quei rari momenti. A Dublino ho chiaramente lasciato una parte del mio cuore, segnando un gol che ricordo con gioia e orgoglio".

Ogni volta che la Svizzera va in Irlanda mi ricordano quella rete Fabio Celestini

Gioia e orgoglio che sono gli ingredienti da mettere in campo domani sera a Dublino, campo storicamente ostico per i nostri e in cui la Svizzera si è imposta in sole due occasioni, l'ultima delle quali porta indelebile proprio la firma di Celestini.

 
 
Condividi