Sotto il fuoco delle domande su XS11
Sotto il fuoco delle domande su XS11 (Keystone)

"L'obiettivo è ritrovare Shaqiri al più presto"

Per Petkovic e Tami non c'è nessun caso, ora si pensa alle due partite

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

dall'inviato a Zurigo Luca Steens

La Nazionale rossocrociata come gli studenti ticinesi si è ritrovata oggi sui banchi di scuola dopo l'estate libera seguita alla partecipazione alla Nations League. Ma il maestro Vladimir Petkovic e il direttore Pier Tami non hanno potuto ritrovare Xherdan Shaqiri, che ha chiesto di non prendere parte alle sfide con Irlanda e Gibilterra di questa settimana e valide per le qualificazioni agli Europei. E tanto è bastato per scatenare le speculazioni sul vero motivo della sua assenza durante il weekend passato tra le diramazioni delle convocazioni e la conferenza stampa di Zurigo: "Non c'è nessun caso", hanno dovuto ripetere più volte il selezionatore e il nuovo direttore delle squadre Nazionali.

"Ho avuto diversi scambi di messaggi e telefonate con Shaqiri. Come in altri casi precedenti secondo me poteva essere una buona cosa per lui venire in Nazionale, respirare un'aria positiva e tornare poi al Liverpool rigenerato. Lui però non se l'è sentita di venire non ritenendosi in grado di dare il massimo in questo momento a causa della sua situazione nel club. Rispetto la sua decisione. A volte ci sono momenti così. Spero possa ritrovare al più presto lo spazio che cerca. Dopo questi due incontri lavoreremo affinché torni a vestire la maglia rossocrociata sin dalle prossime sfide".

Con Shaqiri il rapporto è ok. Ma potrebbe essere migliore, magari dovremmo essere più aperti Vladimir Petkovic

Poco si è parlato degli importanti incontri di Dublino e Sion: "Ci aspetta uno stadio molto caldo. Dovremo essere pronti sin dall'inizio. Qualche indicazione dall'amichevole persa nel 2016 possiamo tenerla, ma noi siamo cresciuti parecchio da allora e ci presentiamo con i migliori 23 possibili in questo momento", ha concluso Petkovic.

"L'abbraccio dei giocatori è stato bellissimo"

Nonostante il grattacapo Shaqiri ("Bisogna rispettare la decisione della persona Xherdan, ma da lunedì prossimo sarà una mia priorità riportarlo in rossocrociato"), Pier Tami ha vissuto emozioni forti al primo giorno ufficiale di nuovo in seno all'ASF: "Vedere i giocatori venire ad abbracciarmi è stato molto bello. Adesso però concentriamoci sulle partite".

 
 
 
 
Condividi