Una serata indimenticabile per il numero 5 rossocrociato
Una serata indimenticabile per il numero 5 rossocrociato (Keystone)

Manuel Akanji un gigante, il migliore

Le pagelle: Xherdan Shaqiri largo è sprecato

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

dall'inviato a Saragozza Paolo Laurenti

SOMMER 5: dopo un primo tempo di ordinaria amministrazione, nel secondo viene sollecitato a più riprese senza nessuna incertezza. Trasmette tranquillità a tutta la squadra.

RODRIGUEZ 4: non è al meglio fisicamente, ma fornisce una prestazione solida e precisa nella chiusure.

AKANJI 5,5:  personalità e fisico. Un muro difensivo che non disdegna qualche puntata in attacco. Alla 42a presenza in rossocrociato la gioia della prima rete, realizzata in una serata storica. Suo anche l'assist del raddoppio. Peccato per il giallo rimediato per proteste. Era diffidato, salterà la Cechia.

ELVEDI 4: degno compare del più illustre collega del Manchester City fino al pareggio spagnolo quando viene portato a spasso da Asensio.

WIDMER 4-: inizio con qualche errore di troppo, poi si riprende, ma sul pareggio spagnolo si lascia attirare troppo centralmente lasciando campo libero a Jordi Alba.

XHAKA 4,5: dopo un buon primo tempo, nella ripresa deve osservare suo malgrado il giro palla degli spagnoli. Quando serve però c’è.

SOW 4,5: si mette alle calcagna di Busquets e nel primo tempo riesce a disturbarlo efficacemente. Partita di sacrificio.

FREULER 4: tanta corsa, pochi errori. Vale il discorso di Sow, gara di lavoro oscuro.

VARGAS 3,5: gli manca fisicità e a livello internazionale si vede. Soprattutto se non riesce a sfruttare la sua velocità.

SHAQIRI 4-: solo un guizzo nel finale del primo tempo. Largo a destra (lui che preferisce giocare dietro le punte) non riesce a entrare nel vivo del gioco e quindi a esprimersi al meglio.

EMBOLO 4: mette lo zampino nel gol vittoria (e non è poco!). Tuttavia seppur Yakin lo consideri un "9", nei movimenti ancora una volta dimostra come non lo sia. Fatica a dialogare con i compagni.

SEFEROVIC 4: pochi minuti, ma con lo spirito giusto per proteggere palla e aiutare la squadra a fiatare un po' nel finale di gara.

STEFFEN 3,5: può fare il terzino, ma non lo è. E si vede. Fatica e balla, ma non molla.

ZAKARIA 4: come Ndoye entra quando la Spagna spinge maggiormente. Tiene la posizione e non commette errori.

AEBISCHER 4: usa le maniere forti, distribuisce qualche calcione spezzando la manovra spagnola e va bene così.

NDOYE 4: non male debuttare nella serata della prima vittoria storica in Spagna.

YAKIN 5: primo allenatore a vincere in Spagna. Difesa e centrocampo svolgono un buon lavoro. Qualche dubbio sulle scelte offensive, ma tant'è. Ha battuto la Spagna e ora per salvarsi basta non perdere martedì.

 
Condividi