Al capitano questa squadra, che sa divertirsi lavorando duro, piace
Al capitano questa squadra, che sa divertirsi lavorando duro, piace (Ti-Press)

"Saper soffrire ci rende le cose più facili"

Jonathan Sabbatini si gode il grande momento del Lugano

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Lugano sta vivendo un grande momento da quando Mattia Croci-Torti si è seduto in panchina dopo l'arrivo della nuova proprietà statunitense. Il momento sta facendo felice naturalmente anche il capitano Jonathan Sabbatini, che si gode il terzo posto in classifica e il suo ruolo: "Quando i risultati arrivano è sempre bello! Poi se arrivano giocando bene, ancora meglio. Non siamo bellissimi ma questa squadra mi piace, ci troviamo bene, ci divertiamo. Abbiamo imparato a soffrire e questa è una cosa importante per noi. Tutto così diventa un pochettino più facile".

Non c'è un vero segreto... Penso che la parola chiave sia sacrificio Jonathan Sabbatini

Ma quanto si vede in questi risultati la mano del mister? "Ha tanto merito. Noi andiamo in campo e se io sbaglio un passaggio non è colpa sua, ma però se ci creiamo delle occasioni e se soprattutto i giocatori riescono a esprimersi a un ottimo livello vuol dire che comunque lui sta facendo tanto. Poi a suo favore gioca il fatto che ci conosce da un po' di tempo ed è andato a toccare le corde giuste per farci fare un passettino in più. Riesce a spremere al meglio la squadra".

Nel Lugano non può mancare umiltà e spirito di sacrificio Jonathan Sabbatini

Dietro intanto c'è una società che fa pure la sua parte. "Con Renzetti abbiamo fatto grandi cose. A lui si poteva solo augurare di trovare qualcuno che lo aiutasse per continuare questi risultati. Lui alla fine ha deciso di vendere, e le persone arrivate hanno la mentalità giusta e hanno una grande esperienza, che ci sta aiutando. Nelle nostre sconfitte sono rimasti calmi e non hanno detto una parola. Anche quando non si dice niente, vuol dire tanto. Ci hanno dato fiducia per giocare tranquilli".

L'obiettivo è fare meglio dell'anno scorso e puntare alla Coppa Jonathan Sabbatini
 
 
Condividi