Sotto lo sguardo vigile di Ireland
Sotto lo sguardo vigile di Ireland (rsi.ch)

A Lugano torna a parlare il ghiaccio

Per i due derby Klasen e Haapala si giocano il posto del quarto straniero

di Federico Fiorito

Dopo una settimana in cui hanno tenuto banco più le notizie di mercato rispetto a quelle sportive, il Lugano è pronto a rituffarsi nel campionato per affrontare il delicato doppio derby del weekend. Delicato per la nota situazione in classifica (-3 dalla linea, -5 dall'Ambrì); delicato perché i bianconeri sono ancora alla ricerca di quella costanza che permetterebbe loro di riacquisire le certezze smarrite per strada dopo la cavalcata della scorsa stagione.

L'ambiente alla Cornèr Arena è però tutto fuorché agitato: tanti sorrisi, tanta complicità, segno che le ultime vicende dentro e fuori dal ghiaccio non hanno perturbato l'ambiente nello spogliatoio. Si sono rivisti Bertaggia, assente per un lieve infortunio contro il Bienne, e Vauclair, che invece era ammalato. In attacco l'unica certezza sembra essere Lapierre al fianco di Lajunen insieme a Walker, mentre Morini tornerà (giustamente) al centro nella linea completata da Bürgler e da uno tra il numero 10 e Klasen. Lo svedese si gioca invece un posto con Haapala come quarto straniero.

Non siamo con le spalle al muro, però teniamo a queste due partite. Primo perché sono due derby, secondo per mantenerci in corsa e ritrovare compattezza Greg Ireland

Interrogato sul mercato, il coach canadese ha letteralmente glissato: "Non è il mio lavoro, io non penso al futuro ma mi occupo di venire qua tutti i giorni e mettere la squadra migliore in pista. Anche i giocatori sono dei professionisti e faranno esattamente lo stesso".

Terzetti d'attacco: Lapierre, Lajunen, Walker; Hofmann, Sannitz, Haapala; Fazzini, Romanenghi, Jörg; Bürgler, Morini, Klasen (Bertaggia, Reuille).

Coppie di difesa: Chorney, Chiesa; Wellinger, Ulmer; Vauclair, Loeffel; Riva, Jecker (Ronchetti).

Assenti: Cunti, Sartori (infortunati).

Condividi