Il presidente dell'Ambrì, Filippo Lombardi
Il presidente dell'Ambrì, Filippo Lombardi (Tipress)

Ambrì, altro buco milionario

Riuniti a Sementina gli azionisti del club ticinese

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Gli azionisti della SA dell'Ambrì, riuniti martedí sera in Assemblea Generale Ordinaria al Centro Ciossetto a Sementina, si sono visti presentare dal CdA un disavanzo d'esercizio per la stagione 2013-14 di 1,3 milioni di franchi, per un deficit totale di 6,1 milioni. Già la passata annata si era chiusa in rosso per 1,63 milioni di franchi.

Le previsioni future sono inoltre sempre negative, anche se in minor misura. Per il campionato in corso i vertici della società leventinese puntano a chiudere con una perdita di 600'000 franchi, con i costi totali che dovrebbero passare da 14 a 13,1 milioni.

Per quanto concerne l'aumento di capitale composto da 2,5 milioni di franchi e da 2,5 milioni di franchi di aggio, i leventinesi sono chiamati dal regolamento della Lega Nazionale a trovare entro fine 2014 3,6 dei complessivi 5 milioni richiesti per completare l'operazione, che dovrà chiudersi entro l'anno prossimo. "Mancano ancora 800'000 franchi per completare la prima fase", ha dichiarato il presidente Filippo Lombardi.

Per quanto concerne il progetto della nuova pista, Angelo Gianini (presidente della Valascia Immobiliare SA) ha precisato che "si sta attendendo il termine di inoltro dei ricorsi". Per poter costruire la nuova arena nei tempi utili, nel 2015 dovrà essere inoltrata la domanda di costruzione.

 
 
Condividi