D'ora in poi è vietato sbagliare
D'ora in poi è vietato sbagliare (Keystone)

Come a Stoccolma nel 2013, quando fu argento

È caccia alla finale dopo il 7 su 7, intanto si allenano i rigori con Scherwey sempre accanto

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

dall'inviato ad Helsinki Ariele Mombelli

Highlight: contrariamente a quanto accaduto con la Francia, la Svizzera non sbaglia l'approccio alla partita ed il gol d'apertura di Ambühl all'1'37" è lì a testimoniarlo. Incomprensibilmente però, la Nazionale si spegne per il resto del primo periodo, soffrendo il gioco fisico dei tedeschi e commettendo davvero troppi errori in fase di impostazione, ad immagine di Egli. Poi, di ritorno sul ghiaccio, Hischier e compagni cambiano ritmo ed il forecheck avversario diventa meno intenso. E allora la partita diventa equilibrata. E va bene così, visto che un punto può bastare. Ne prendiamo due, allenando pure i rigori, e salendo a quota sette su sette. Come a Stoccolma nel 2013.

Top player: con sette vittorie in altrettante partite risulta difficile esaltare la prestazione di un singolo. Ognuno, tranne in un primo periodo decisamente sottotono, svolge il suo compito senza eccellere. E allora, visto che è la prima volta che ci arriviamo, premiamo chi nei rigori fa la differenza. Berra cala la saracinesca proprio come nell'overtime, Hischier mostra un misto di classe e freddezza, Riat ci sorprende con una conclusione irresistibile. Contro gli Stati Uniti siamo pronti per andare anche oltre il 60'.

Time out: è finito come noto a causa dell'infortunio patito contro la Francia il Mondiale di Scherwey, che però ha lasciato nel dubbio tutti gli addetti ai lavori: "Resterà con il gruppo o fara rientro anticipato in Svizzera?". La risposta è arrivata durante la partita odierna: l'attaccante tornerà a casa mercoledì mattina. Una decisione presa dallo stesso giocatore e non dalla SIHF, che lo avrebbe voluto al suo fianco per la sua energia ed il suo spirito contagioso. Così non sarà, e allora di Scherwey rimarrà la sua maglietta accanto alla panchina rossocrociata. Un gran bel gesto.

 
 
 
Condividi