Spiegazione degli schemi alla lavagna
Spiegazione degli schemi alla lavagna (rsi.ch)

"Dobbiamo coltivare il momento favorevole"

Pelletier non cambia le sue pedine in vista delle partite contro Bienne e Zurigo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

di Federico Fiorito

Squadra che vince non si cambia. Il motto di boskoviana memoria calza a pennello per un Lugano reduce da una striscia di 4 successi consecutivi. È vero: Serge Pelletier è stato costretto a rimaneggiare un po' le linee dopo le prime due vittorie a causa dei rientri di Sannitz e Lajunen, ma soprattutto della fine del prestito di Carr; però ha prontamente ritrovato la quadratura del cerchio e, in vista del primo impegno stagionale contro il Bienne, e del terzo - Coppa compresa - contro lo Zurigo, proporrà la stessa formazione vista all'opera martedì con il Ginevra.

"In realtà in questa stagione è difficile trovare la chimica perfetta - ha spiegato il coach svizzero-canadese al termine dell'allenamento odierno - Fin da subito ho detto ai ragazzi di mettersi al servizio della squadra, che le situazioni sarebbero cambiate molto spesso. Devo dire che per in questo momento le cose stanno andando a nostro favore. Ora sta a noi tenere alta la tensione. Dopo una serie di vittorie e facile cadere in un eccessivo rilassamento".

Contro il Ginevra abbiamo soprattutto concesso poche penalità. E non è solo il fatto di giocare in quattro, ma in quelle situazioni rischi di perdere il momentum della partita Serge Pelletier

All'indomani della scomparsa di Maradona, i giocatori, benché tutti di un'altra generazione per ricordarne le gesta, si sono caricati nello spogliatoio guardando dei video del Pibe de Oro. Traber dovrebbe fungere da 13o attaccante, mentre il rientro di Lammer, che si è allenato in giallo insieme a Carr e Romanenghi, non sembra nei piani di Pelletier. Sandro Zurkirchen è invece rimasto ancora lontano dal ghiaccio.

Terzetti d'attacco: Morini, Arcobello, Boedker; Bertaggia, Kurashev, Fazzini; Suri, Lajunen, Bürgler; Herburger, Sannitz, Walker; Traber (Romanenghi).

Coppie di difesa: Riva, Heed; Wellinger, Loeffel; Wolf, Nodari; Chiesa (Antonietti).

Condividi