Serge Pelletier con i dieci nuovi innesti e le nuove maglie
Serge Pelletier con i dieci nuovi innesti e le nuove maglie (Ti-Press)

Il Lugano dell'80o tra storia e protezione

È stata presentata a Giubiasco la stagione 2020-21 del club bianconero

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

di Federico Fiorito

La stagione che porterà all'ottantesimo compleanno dell'Hockey Club Lugano si apre senza quell'entusiasmo che una ricorrenza del genere dovrebbe portare con sé. C'è una nuova maglia ispirata agli anni '40 con un tocco di '70 che sta lì a rappresentare la storia del club; ci sarà lo storico inno "Forza Lugano forza" ad accompagnare l'entrata della squadra sul ghiaccio della Cornèr Arena; e ci sono soprattutto dieci nuovi innesti (più tre giovani tesserati) che hanno reso i bianconeri, almeno sulla carta, decisamente più competitivi rispetto allo scorso anno. Ma per i grandi festeggiamenti aperti al pubblico occorrerà attendere che questa sciagurata situazione di emergenza sia passata.

A Giubiasco, nella conferenza stampa di inizio stagione si è allora parlato soprattutto di coronavirus e del dispositivo di sicurezza - ancora al vaglio del medico cantonale - che verrà adottato per gestire l'entrata e l'uscita del pubblico e la sua permanenza in pista. In assenza del presidente Vicky Mantegazza, il CEO Marco Werder ha salutato con gioia il ritorno alla normalità del campionato: "Una nuova normalità che ha un prezzo, ossia capacità di adattamento, tolleranza e flessibilità che consentiranno a 3'500 persone (2'900 tesserati più 600 biglietti singoli) di assistere ogni sera alle nostre partite casalinghe".

Tre contratti a termine per tre motivi: limitare l'impegno finanziario, gestire il rischio in caso di nuova interruzione e al contempo avere giocatori motivati e di qualità Marco Werder

JJ Aeschlimann, lo "sceriffo COVID" come lo hanno rinominato bonariamente Alessio Bertaggia e Alessandro Chiesa, ha invece posto l'accento sulle misure che verranno adottate per gestire i flussi e la tracciabilità: "Il club avrà una zona di competenza più vasta - di quella limitata all'interno dei cancelli della pista - in cui vi sarà l'obbligo di indossare la mascherina. Inoltre nelle strade vi saranno dei volontari che avranno il compito di sensibilizzare i nostri tifosi, poiché il nostro obiettivo è quello di proteggere il nostro pubblico, però abbiamo bisogno anche della responsabilità individuale di tutti".

Sul piano sportivo il general manager Hnat Domenichelli e il coach Serge Pelletier, dopo aver annunciato l'intenzione di reiterare la rotazione dei capitani, hanno espresso grande soddisfazione per la campagna acquisti e per la preparazione estiva, ma si son ben guardati dal porre obiettivi concreti anche perché, vista la mancata conclusione dello scorso campionato, di certezze ormai ce ne sono poche.

Condividi