Lehmann sfugge così ai difensori luganesi per realizzare il 2-0
Lehmann sfugge così ai difensori luganesi per realizzare il 2-0 (freshfocus)
Rapperswil
4
Lugano
1
  • 2' Clark
  • 12' Lehmann
  • 29' Egli
  • 53' Clark
  • 55' Arcobello
Tabellino Risultati e classifiche

Il Lugano sbatte contro il muro del Rapperswil

I bianconeri non entrano mai in partita e tornano sconfitti da gara-2

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Lugano ha sbattuto sul muro eretto dal Rapperswil in gara-2 ed è tornato in Ticino con una sconfitta per 4-1 che rimette la serie dei quarti in parità. Passati subito in vantaggio, i Lakers hanno potuto immediatamente impostare la partita su una difesa rocciosa, che ha tenuto gli ospiti lontano dallo slot nonostante i tanti minuti passati nel terzo dei padroni di casa. I sangallesi, che hanno distribuito i loro tre stranieri a disposizione su tre linee, sono poi stati cinici ad approfittare degli errori dei bianconeri, dal canto loro mai capaci di cambiare marcia e apparsi disorientati nella ricerca di emozioni e ritmo.

L'inizio di partita come detto non ha aiutato gli uomini di Pelletier, ritrovatisi sotto per 1-0 già dopo 1'15" ad opera di Clarke. Dopo un contropiede sbagliato per parte in inferiorità numerica (Lehmann e Bertaggia), è stato lo stesso attaccante numero 24 dei sangallesi a realizzare il raddoppio infilandosi troppo facilmente tra Wellinger e Nodari. Nel periodo centrale la musica non è cambiata nonostante che il Rapperswil, oltre di Cervenka infortunatosi a Lugano e non rientrato stasera, ha dovuto fare a meno pure per 12' di Clark, penalizzato per un check alla testa. Ma a passare sono stati ancora gli uomini di Tomlinson, tornato alla transenna, con Egli a sfruttare un assist di Rowe appena rientrato dal box dei penalizzati.

Venti minuti nei quali i sottocenerini hanno avuto ancora meno occasioni che nel primo tempo, la più grande con Fazzini poco prima della seconda pausa, che ha colpito il palo con Nyffeler sbilanciato. Nulla è cambiato nell'ultima frazione, dove il Rapperswil è riuscito a tenere il ritmo ancora basso e a mettere al sicuro il risultato al 52'07" ancora con Clark, senza che il Lugano avesse fin lì creato qualcosa di buono. Il punto di Arcobello è servito solo a rendere meno pesante il passivo.

 
 
 
Condividi