L'ex Conz si fa passare alle spalle il disco dell'1-0
L'ex Conz si fa passare alle spalle il disco dell'1-0 (Keystone)
Friborgo
3
Ambrì Piotta
1
  • 9' Rossi
  • 12' Mottet
  • 37' Mottet
  • 28' Heim
Tabellino Risultati e classifiche

L'Ambrì non riesce a frenare ancora la capolista

Alla BCF Arena fatale un primo periodo complicato, il Friborgo torna a macinare punti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Desideroso di replicare quanto di buono fatto nel primo scontro diretto stagionale, stavolta l’Ambrì ha dovuto alzare bandiera bianca al cospetto del Friborgo capolista. Alla BCF Arena, nel secondo impegno di un weekend globalmente sfortunato, i leventinesi hanno pagato cara la troppa indisciplina di inizio serata, davvero pesante nell'economia del 3-1 finale. Questo risultato, per i locali, equivale addirittura all'11o successo nelle ultime 12 uscite di campionato.

Costretto a fronteggiare le defezioni di D’Agostini (a riposo) e Fohrler (ammalato), coach Cereda si è affidato al rientrante Regin e all'entusiasmo di Pezzullo, optando inoltre - rispetto a ieri - per un avvicendamento tra i pali (dentro l'ex di turno Conz, fuori Ciaccio). L’entrata in materia del numero 1 non è però stata delle più felici: appena scoccato l’8’ di gioco, dopo alcune buone occasioni su ambo i fronti, Rossi ha infatti regalato la prima gioia al pubblico di casa, in situazione di superiorità numerica. L'efficacia del powerplay burgundo ha poi trovato ulteriore conferma tre minuti più tardi, quando Mottet ha potuto liberamente insaccare il 2-0 da posizione favorevole.

Il margine di due lunghezze è rimasto tale anche al termine di un secondo periodo in cui i biancoblù, rifattisi sotto con Heim (complice anche l'incertezza di Berra), hanno solo accarezzato l'idea dell'aggancio, prima di incassare il secondo punto di Mottet. Punto che non ha comunque chiuso il confronto, rimasto anzi equilibrato per lunghi tratti, anche nella frazione conclusiva. Fora e compagni non sono tuttavia stati in grado di far nuovamente breccia nelle linee nemiche, neppure nell'assalto finale in 6 contro 5. La marcia trionfale del Friborgo, fermato ieri dal Rapperswil, può dunque riprendere.

 
Condividi