Il portiere grigionese intrattabile quest'oggi
Il portiere grigionese intrattabile quest'oggi (freshfocus)
Davos
2
Ambrì Piotta
0
  • 5' M.Wieser
  • 8' Knak
Tabellino Risultati e classifiche

L'Ambrì sbatte contro Aeschlimann

A Davos i leventinesi escono sconfitti 2-0 nonostante l'ottima prestazione

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Archiviata la buona prestazione di ieri contro lo Zurigo, che ha però prodotto un solo punto, l'Ambrì è tornato oggi in pista per il recupero della 32a giornata in cerca di nuova linfa per alimentare la propria classifica. Contro il Davos i leventinesi sono stati però battuti 2-0, ma se si fosse trattato di un incontro di pugilato l'esito sarebbe stato sicuramente opposto. I ragazzi di Cereda hanno infatti macinato tantissimo gioco, nonostante una pessima entrata in materia, ma si sono ripetutamente scontrati con l'ottima prestazione del portiere grigionese, che oggi proprio non ne voleva sapere di capitolare.

Orfani di Conz, che ha avuto la peggio nello scontro con Schäppi nella sfida di ieri, a difesa dei pali biancoblù oggi è stato schierato Ciaccio, mentre Kozun ha preso il posto di D'Agostini. I leventinesi hanno iniziato nel peggiore dei modi la sfida, soffrendo la grande velocità e l'intensità messa in pista dai grigionesi. Dopo appena 8' infatti, Grassi e compagni, erano già sotto 2-0 in virtù dei gol di Wieser al 4'10" e di Knak all'8', che hanno costretto Cereda a chiamare il timeout anzitempo. La strigliata non ha prodotto reti, ma ha avuto per lo meno l'effetto di non andare alla prima pausa con un passivo più ampio. Superata indenne un'inferiorità numerica ad inizio secondo periodo, i biancoblù sono tornati sul ghiaccio con tutt'altro piglio, mettendo alle strette i ragazzi di Wohlwend, non riuscendo però a trovare la via del gol.

A metà partita l'Ambrì ha poi avuto 17" per giostrare a 5 contro 3, ma i tantissimi tentativi del quintetto biancoblù sono tutti, ancora una volta, andati a sbattere sulla saracinesca abbassata da Aeschlimann, che è riuscito così a tenere la porta inviolata anche per i secondi 20'. Il periodo conclusivo è iniziato sulla falsa riga di quello centrale, con i sopracenerini intenti a macinare gioco nel loro terzo offensivo ed i gialloblù che si sono limitati a difendere, rifugiandosi anche in parecchie liberazioni vietate. La tanto agognata rete non è però mai arrivata ed i ticinesi sono dovuti tornare in Leventina con 0 punti, ma con la consapevolezza di aver fatto tutto il possibile per provare a trafiggere la porta grigionese, che oggi è parsa proprio stregata.

 

 

 
Condividi