Ambühl va a caccia di un nuovo record
Ambühl va a caccia di un nuovo record (freshfocus)

Quello che il Mondiale ha detto e potrebbe dire

Al via la rassegna iridata in Finlandia, con una Svizzera diversa e il solito Ambühl

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

dall'inviato a Helsinki Ariele Mombelli

Ancora poche ore e poi a parlare, come sempre, sarà il ghiaccio. Il ghiaccio di Helsinki e di Tampere, sedi del Mondiale del 2022. E allora, che tipo di emozioni saranno quelle a tinte rossocrociate? Positive o negative? Le sensazioni durante la lunga preparazione - alla luce del gioco proposto, più che dei risultati - sono buone. Ora bisognerà confermarle, aggiungendoci quella giocata - gol, assist o parata che sia - che spesso traccia il sottile margine della differenza tra vittoria e sconfitta. Nel frattempo però il Mondiale finlandese qualcosa ci ha già detto.

Una Svizzera diversa

"Per i Mondiali prenderemo giocatori che avranno voglia di giocare, semplice e nello slot". Queste le parole di Patrick Fischer al termine delle deludenti Olimpiadi di Pechino. Parole forti, alle quali l'allenatore ha effettivamente dato seguito. Fuori elementi che hanno segnato la storia del recente passato, come Diaz e Simon Moser, dentro la gioventù di Egli e Miranda tra gli altri. Sarà dunque una Nazionale meno esperta e più spensierata. In Finlandia vedremo la prima Svizzera del futuro?

Diversa ma con il recordman Ambühl

Sarà sì una Svizzera diversa, ma con un denominatore comune: Andres Ambühl. Il 38enne, che parteciperà infatti al suo 17o Mondiale in carriera, andrà a caccia del record di presenze alla rassegna iridata. Fermo a quota 115, l'attaccante del Davos vede da vicino il tedesco Udo Kiessling, difensore che tra la fine degli anni 70' e l'inizio degli anni 90' ha collezionato 119 gettoni. I due, tra l'altro, sono accomunati da cinque Olimpiadi. C'è già perlomeno un motivo per festeggiare?

Russia no, pista russa idem

La Russia, come noto da tempo, non ci sarà. Scelta logica e scontata, quella della IIHF, sostenuta peraltro a gran voce da tutte le Federazioni nazionali. Sul piano puramente sportivo ne risentirà sicuramente lo spettacolo, inutile nasconderlo, ma la decisione potrebbe anche favorire i rossocrociati, che i russi avrebbero dovuto affrontarli nel Gruppo A. Un girone che tra l'altro avrebbe dovuto svilupparsi interamente nella Hartwall Arena, moderno impianto da 14'000 spettatori di proprietà di Gennady Timchenko. Il problema? Timchenko è russo, e dunque si giocherà alla Helsinki Ice Hall, che può contenere 8'200 spettatori. Ci sarà spazio per tutti coloro che hanno acquistato un biglietto?

 
Condividi