Campo ridotto per migliorare la reattività
Campo ridotto per migliorare la reattività (rsi.ch)

Squadra che vince non si tocca

Nulla è certo, ma è molto probabile che Boedker a Bienne sia di nuovo in sovrannumero

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

di Andrea Torreggiani

Coach McSorley non si è sbilanciato, dunque tutto può ancora succedere, ma le probabilità che il Lugano scenda in pista domani sera nella difficilissima trasferta di Bienne con la stessa formazione vittoriosa sull'Ajoie sono molte, se non moltissime. Boedker, rimasto in tribuna martedì per lasciar spazio tra i pali ad Irving, nel lungo ed intenso allenamento di stamattina non aveva infatti un posto fisso in una delle quattro linee offensive, immutate rispetto a quelle viste con i giurassiani, e si è alternato con Stoffel al fianco di Walker e Traber. Un segnale piuttosto chiaro che, almeno alla Tissot Arena, il danese dovrebbe essere di nuovo lo straniero in sovrannumero. Sicuri assenti saranno invece Carr, Loeffel, Guerra, Fatton e Schlegel.

"Il successo con l'Ajoie ci ha permesso di lavorare in un'atmosfera meno pesante - ha detto il coach bianconero, che spera di recuperare l'attaccante canadese e il difensore neocastellano dopo la pausa di metà novembre dedicata alla Nazionale - Ora però ci apprestiamo ad affrontare quella che considero la miglior squadra del campionato e per riuscire a fare risultato a Bienne dovremo essere molto attenti nella gestione del disco. Oltre a ciò, dovremo essere bravi a non lasciare spazi ad una formazione che è sempre in grado di punirti".

Spero che il modo con il quale abbiamo vinto martedì, ovvero mantenendo sempre il controllo del puck, ci permetta di entrare in una spirale positiva Chris McSorley

"Al momento siamo una buona squadra - ha proseguito McSorley - ma abbiamo tutte le qualità per diventare un'ottima squadra. Questo processo però può aver luogo solo lavorando e giocando tutti insieme, dunque aver avuto così tante assenze ci ha sicuramente penalizzati. Di solito quando ti mancano così tanti uomini chiave non vinci, invece i miei ragazzi spesso e volentieri hanno trovato il modo di conquistare punti importanti anche in mezzo alle difficoltà e questo mi rende estremamente orgoglioso".

Terzetti d'attacco: Fazzini, Arcobello, Bertaggia; Hudacek, Thürkauf, Josephs; Vedova, Herburger, Morini; Traber, Walker, Stoffel; Boedker; Haussener.

Coppie di difesa: Alatalo, Riva; Nodari, Müller; Chiesa, Wolf; Villa.

Portieri: Irving, Fadani.

 
Condividi