Aeschlimann è stato intrattabile
Aeschlimann è stato intrattabile (freshfocus)
Ambrì Piotta
3
Davos
2
  • 11' Pestoni
  • 18' Moses
  • 53' Bürgler
  • 13' Stransky
  • 28' Stransky
Tabellino Risultati e classifiche

Weekend perfetto, Ambrì in zona pre-playoff

Un pregevole backhand di Bürgler fa esplodere la Gottardo Arena, Davos battuto

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'Ambrì pare finalmente aver imboccato la strada del successo: in una Gottardo Arena nuovamente riscaldata dalla Curva Sud i biancoblù hanno effettuato un'importante operazione in ottica classifica battendo 3-2 il Davos. Fora e compagni, scesi in campo con una maglia commemorativa in onore della squadra che sessant'anni fa conquistò la Coppa Svizzera, sono riusciti a combattere la stanchezza affiorata nel terzo conclusivo e a chiudere un weekend da sei punti che li piazza in zona pre-playoff.

Forte del perentorio successo ottenuto contro il Langnau, Cereda ha deciso di mantenere immutato il proprio line-up schierando però il rientrante Pezzullo in coppia con Fischer. I sopracenerini, fin dai primi minuti, hanno cercato di impensierire la compagine ospite: soltanto un rebound concretizzato da Pestoni, ben imbeccato da un ritrovato Zwerger, è tuttavia riuscito a scardinare un Aeschlimann in formato saracinesca. Il Davos ha comunque riequilibrato la sfida con Stransky, prima di incassare il raddoppio di Moses (alla terza marcatura stagionale) a pochi minuti dalla prima sirena.

Lasciati alle spalle 60" di inferiorità numerica, nel periodo centrale i leventinesi hanno continuato a imprimere pressione senza tuttavia sfruttare le numerose occasioni. Una ripartenza di Stransky ha così permesso alla formazione ospite di rientrare in partita, complice anche una minore incisività in casa biancoblù. Fora e compagni, trascinati dal terzetto composto da stranieri, sono poi stati capaci di ritornare a macinare chilometri e firmare il punto del ko con la pregevole esecuzione in backhand di Bürgler (52"43). Il forcing finale del Davos, in 6 contro 4 grazie all'espulsione di Isacco Dotti, non ha infatti più cambiato il risultato.

 
 
Condividi