I riflettori puntati sulle alture bernesi
I riflettori puntati sulle alture bernesi (freshfocus)

A Gstaad è una questione rossocrociata

I giovani rappresentanti svizzeri cercheranno di risplendere su suolo nazionale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

È finalmente ora di riaccendere i riflettori sugli Swiss Open di Gstaad. Dopo l'annullamento della scorsa edizione a causa della situazione pandemica, il torneo sulla terra battuta dell'Oberland bernese a partire da lunedì ospiterà alcuni dei migliori interpreti della disciplina, su tutti il fresco semifinalista di Wimbledon Denis Shapovalov (ATP 10). Un'edizione ricca di promesse, pure rossocrociate: sono cinque gli atleti che cercheranno di risplendere su suolo nazionale. Oltre alle wild card Dominic Stricker (280), Leandro Riedi (748) e Johan Nikles (435), fanno parte del tabellone principale anche Marc-Andrea Hüsler (157) e Sandro Ehrat (397), quest'ultimo passato dalle qualificazioni.

Stricker, punta di diamante della selezione rossocrociata alla sua terza apparizione in un torneo del circuito maggiore, affronterà il francese Arthur Rinderknech (105). Appare invece un pò più difficile il cammino per gli altri rappresentanti: il turgoviese Riedi sarà messo a dura prova da Federico Delbonis (48) mentre lo zurighese Hüsler da Feliciano Lopez (90).

Condividi