Prova poco brillante
Prova poco brillante (rsi.ch)

Inseguimento, obiettivo bronzo per la Svizzera

Elvetici ultimi nelle qualificazioni e già fuori dalla lotta per i primi due posti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Svizzera, terza agli ultimi Europei, è già tagliata fuori dalla corsa per la finale nell'inseguimento a squadre maschile, ma può comunque ancora sperare di conquistare la medaglia di bronzo. Stefan Bissegger, Robin Froidevaux, Mauro Schmid e Cyrille Thièry hanno chiuso le qualificazioni all'ottavo e ultimo rango con il tempo di 3'51"514, mancando così le prime quattro posizioni, sinonimo di accesso alle semifinali e poi alla finalissima per le due vincenti.

Domani gli elvetici affronteranno l'Australia: per accedere alla finalina dovranno ottenere il primo o il secondo miglior tempo tra le sei squadre escluse dall'ultimo atto. Oggi i migliori di tutti sono stati i danesi, autori in 3'45"014 del nuovo record olimpico. Sfortunati invece gli australiani, costretti a ripetere la loro prova dopo che Alexander Porter è caduto a causa della rottura del manubrio della sua bicicletta.

Record del mondo tra le donne

Nelle qualificazioni dell'inseguimento femminile la Germania ha nettamente abbassato il record del mondo, fissandolo a 4'07"307. Il vecchio primato, 4'10"236, apparteneva alla Gran Bretagna ed era stato realizzato ai Giochi di Rio del 2016.

Sprint a squadre femminile alla Cina

L'oro nello sprint a squadre femminile è andato alla Cina, detentrice del titolo, che in finale ha battuto la Germania. Sul gradino più basso del podio è salita la Russia, vittoriosa sui Paesi Bassi.

 
 
Condividi