Il ragazzo del Gambarogno ha abbassato di 13 centesimi il già suo primato nazionale
Il ragazzo del Gambarogno ha abbassato di 13 centesimi il già suo primato nazionale (Reuters)

Per Ponti e Ugolkova record e semifinale

I due ticinesi danno spettacolo nelle prove preferite, entrambi col 5o tempo assoluto

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Dopo aver rotto il ghiaccio olimpico con la staffetta, Noè Ponti si è tolto di dosso la tensione del debutto andando a scatenare tutta la sua potenza. Il ventenne del Gambarogno ha infatti piazzato uno splendido 1'55"05 nella batteria di qualifica dei 200m delfino, che gli è valso il nuovo record svizzero (abbassando di 0"13 il già suo primato, stabilito lo scorso maggio a Budapest) e che soprattutto lo ha spedito dritto dritto in semifinale. Semifinale, in programma domani (alle 04h35 ora svizzera), in cui il ticinese (che ha vinto la sua batteria) arriva con il quinto tempo assoluto: e quindi sognare una finale a cinque cerchi - e chissà, magari qualcos'altro - non è utopia. Il miglior crono l'ha fatto segnare l'ungherese Kristof Milak, mentre il podio virtuale (1'54"83 del brasiliano Leonardo de Deus) è a 0"78 da quanto fatto da Noè Ponti.

E pochi minuti dopo la splendida prestazione di Ponti, è arrivata anche Maria Ugolkova a piazzare il bis. La ticinese di adozione, alla sua seconda esperienza olimpica, ha infatti superato lo scoglio delle qualifiche nei 200m misti andando a cogliere il secondo posto di batteria (e il quinto in totale) grazie al tempo di 2'10"04 che le ha regalato il nuovo record svizzero e l'accesso alla semifinale che si terrà pure domani, verso le 04h55 elvetiche. La 32enne rossocrociata ha abbassato di 0"68 il primato nazionale, che già le apparteneva e che aveva stabilito due anni fa ai Mondiali di Gwangju, in Corea del Sud.

Pellegrini a 0"05 dall'eliminazione

La Divina Federica Pellegrini si è trovata ad un passo da una cocente delusione in questa sua quinta Olimpiade. Nella gara dei 200m stile libero - prova in cui detiene il record del mondo dal 2009 - la quasi 33enne azzurra ha infatti colto soltanto il 15o tempo nelle batterie di qualificazione, arrivando a 5 centesimi da una clamorosa eliminazione. Ricordiamo che su questa distanza l'italiana ha conquistato un titolo olimpico nel 2008, cinque mondiali e nove europei. Il miglior tempo odierno è invece stato fatto segnare dall'americana Kathleen Ledecky, la quale è a caccia di rivincita dopo essere stata battuta in mattinata da Ariarne Titmus nei 400m stile libero.

 
 
 
Condividi