La Catena della Solidarietà lancia un appello per l'Afghanistan

Le donazioni sul conto postale 10-15000-6 con la menzione «Afghanistan» o sul sito www.catena-della-solidarieta.ch

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il ritorno dei talebani al potere sta scatenando una crisi che si aggiunge a quattro decenni di conflitti, insicurezza e frequenti disastri naturali. La resilienza della popolazione è già al limite. L'Afghanistan sta anche vivendo una grave siccità, oltre alla pandemia di Covid. 11 milioni di persone (un terzo della popolazione) stanno affrontando gravi carenze alimentari e due milioni di bambini sono a rischio di malnutrizione. Le donne e le ragazze sono particolarmente vulnerabili a varie forme di violenza in situazioni di crisi e di conflitto. Con la crisi attuale, le difficoltà e i rischi affrontati dalle donne e dalle ragazze in Afghanistan si aggravano, rendendo la loro situazione estremamente preoccupante. Questo è particolarmente vero per l'accesso all'assistenza sanitaria materna e riproduttiva, all'istruzione e all'occupazione. È vitale che i servizi sanitari, che dipendono in gran parte dagli aiuti internazionali, continuino a funzionare.

La Catena della Solidarietà potrà sostenere l'aiuto umanitario necessario sul posto con l'aiuto di diverse ONG partner locali. A seconda del futuro flusso di rifugiati, sarà anche possibile sostenere le operazioni di aiuto nei paesi confinanti con l'Afghanistan.

Le donazioni possono essere effettuate sul conto postale 10-15000-6 con la menzione «Afghanistan» o direttamente sul sito www.catena-della-solidarieta.ch.