TIR truccati

Puntata del 24.2 - Manipolano l’impianto dei gas di scarico e circolano sulle autostrade svizzere inquinando fino a 5 volte oltre i limiti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Diesel truccati non solo sulle automobili, ma anche sui TIR. La denuncia viene dall’Austria e un test sulle strade svizzere mostra che troppo spesso gli autocarri esteri che circolano sulle nostre strade inquinano più del dovuto. A differenza dello scandalo che aveva travolto la Volkswagen nell'autunno del 2015 (e che negli scorsi mesi ha coinvolto altre marche, a cominciare da Fiat e Renault), stavolta non sono però i produttori a fare i furbi, ma i proprietari dei veicoli.

I TIR Euro 5 e Euro 6, per abbattere gli ossidi di azoto (i famosi NOX), fanno capo a uno speciale additivo: l’Adblue. Senza questo additivo, il computer di bordo taglia la potenza per evitare che l’inquinamento aumenti esponenzialmente. Ma molti camionisti hanno scoperto che c’è un trucco per aggirare l’ostacolo: un emulatore che fa sembrare che l’additivo ci sia anche quando è finito. Sotto accusa i TIR provenienti dall’est Europa e dall’Italia. Camion che con questo trucco inquinano fino a 5 volte oltre il consentito. Tutti i TIR svizzeri testati dall'Università di Hidelberg risultano a norma. Tra quelli stranieri, invece, 1 su 4 fa registrare un’emissione di ossidi di azoto troppo elevata. Insomma, sulle nostre strade circolano camion che inquinano come quelli degli anni '80.

Un modo per risparmiare a scapito della salute di tutti! Patti chiari vi mostra in cosa consiste il trucco e quali sono le conseguenze, in particolare per un paese di transito come il nostro.

 

 

Condividi
Commenti
Cari utenti, lo spazio dei commenti (moderati dalla redazione) resta aperto fino al termine della diffusione della puntata. Vi ringraziamo per tutte le osservazioni che ci farete avere.
Commenti
I più votati
3 nuovi commenti
3 nuovi commenti
3 nuovi commenti
3 nuovi commenti