La Grazia

di Corrado Antonini

Cinque dischi nuovi al centro della puntata odierna di “Clandestini per scelta”. Per cominciare l’esordio discografico di un quartetto bretone chiamato Brin d’Zinc, a seguire il terzo disco della formazione Siwan del compositore norvegese Jon Balke, e poi direzione Martinica, per incontrare la cantante e contrabbassista Sélène Saint-Aimé, alle prese col suo secondo lavoro. A seguire la ristampa di una manciata di registrazioni effettuate a Istanbul sul finire degli anni ’60 dal gruppo Kupa Dörtlüsü di Richardos Prelorentzos, e infine il nuovo, luminoso lavoro del poeta e musicista inglese Kae Tempest, “The line is a curve”.