La copertina di Linus

Con Silvia Vegetti Finzi - di Michela Daghini

In questa puntata ci occupiamo del significato evolutivo del gioco e del forte valore terapeutico che ha nell'aiutare i bambini a superare un trauma, come può essere quello di un terremoto. Nei bambini, specialmente se molto piccoli, una bambola, o un orsacchiotto, o qualsiasi altro oggetto trasformato in gioco – la famosa copertina di Linus - rappresenta un mondo di affetti che lo aiuta a staccarsi dalla mamma per guadagnare la sua prima autonomia. Oggi cerchiamo di capire quanto traumatico possa essere per un bimbo perdere, sotto le macerie di una casa crollata, quel gioco che era il suo "preferito" e che rappresentava una tappa tanto importante per la sua crescita. Ne parliamo con la nota studiosa Silvia Vegetti Finzi, per anni professoressa di Psicologia dinamica presso il Dipartimento di Filosofia dell’Università di Pavia ha concentrato i suoi interessi sulla storia e la teoria della psicoanalisi con particolare riguardo all’identità femminile e al ruolo delle passioni nella costruzione dell’ordine simbolico. Si è poi interessata allo studio dei rapporti familiari e allo sviluppo psicologico dall’infanzia all’adolescenza. Tra i suoi libri citiamoalmeno: Quando i genitori si dividono. Le emozioni dei figli (Milano 2005); Nuovi nonni per nuovi nipoti. La gioia di un incontro (Milano 2008); La stanza del dialogo. Riflessioni sul ciclo della vita (Bellinzona 2009).
 
Ora in onda Colpo di scena In onda dalle 13:30
Brani Brani in onda Jordu - Valery Ponomarev Ore 13:52