Lo sfasamento tra stati e etnie dopo il crollo della monarchia asburgica

Austria-Ungheria: un impero si dissolve

di Flavia Foradini

GERONIMO
Storia e memoria
Lunedì 05 novembre 2018 alle 11:35
Replica alle 23:33
Replica domenica 11 novembre 2018 alle 08:35

 

La fine della prima guerra mondiale, dopo oltre quattro anni di un conflitto indicibilmente sanguinoso e la perdita di milioni di vite umane, cambiò radicalmente la carta geografica dell'Europa e lasciò uno strascico di diffusi conflitti nazionali.

Uno degli effetti pregni di conseguenze fu il crollo della monarchia asburgica, che aveva portato Vienna a dominare per secoli un vasto conglomerato di popoli: un evento esiziale, che lungi dal sanare ferite, ne squarciò altre possibilmente più profonde, e disintegrò la Mitteleuropa.

Nel centenario della fine della Grande Guerra, al microfono di Flavia Foradini, Manfried Rauchensteiner, storico di primo piano ed esperto fra l’altro della casata Asburgo e della prima guerra mondiale, fornisce alcuni spunti di analisi sulla disgregazione dell’impero austro-ungarico; lancia uno sguardo sui mesi prima e dopo l’armistizio di inizio novembre 1918, e avanza una risposta al quesito se e a quali condizioni, la fine dell’Austria-Ungheria sarebbe forse stata evitabile.

Serata evento: <data>land

Seguici con