Veduta sull'isola di San Giulio, nel lago d'Orta, territorio dov'è ambientata la storia
Veduta sull'isola di San Giulio, nel lago d'Orta, territorio dov'è ambientata la storia (iStock)

“C'era due volte il barone Lamberto”

Di Matteo Severgnini

Laser
Mercoledì 06 aprile 2016 alle 09:00
Replica alle 22:35

Il romanzo per bambini, ma non solo per bambini, “C'era due volte il barone Lamberto” di Gianni Rodari è forse il libro più conosciuto dello scrittore. È ambientato sul lago d’Orta e in particolare sull’isola di S.Giulio, all’interno di una cornice naturale, suggestiva e poetica. In questo reportage lo scrittore Matteo Severgnini, in compagnia di alcuni personaggi rodariani come ad esempio lo stesso barone e il maggiordomo Anselmo, racconta il lago d’Orta com’è oggi e le sue trasformazioni ambientali, economiche e sociali avvenute nel corso degli anni: il recupero delle acque del lago realizzato dal CNR di Verbania, acque un tempo molto inquinate e ora molto ricche di flora e specie ittiche; la crisi di un territorio un tempo ricco di opportunità lavorative; il fenomeno del gioco d’azzardo patologico; la presa di coscienza da parte degli abitanti di Omegna (paese natio di Rodari) nel riconvertire edifici industriali dismessi in luoghi di attività ludica per bambini seguendo la lezione rodariana e infine uno sguardo sulla fascinazione del lago d’Orta che ha sedotto scrittori come Mario Soldati e altri.

Ora in onda Radio svizzera classica In onda dalle 1:30
Brani Brani in onda Alma - Jacky Terrasson Ore 1:50