()

Luciana Castellina

di Gianni Beretta

A volte le circostanze della vita possono apparire persino paradossali. Come nel caso di Luciana Castellina. Il 26 luglio del 1943, a 14 anni non ancora compiuti, Luciana giocava a tennis con Anna Maria, nella villa della famiglia Mussolini a Riccione; quando gli uomini della scorta portarono via in fretta e furia la figlia del duce. Benito Mussolini era stato arrestato a Roma, sancendo la caduta del fascismo.

Ma Luciana si sarebbe convertita ben presto in una comunista; anzi, qualcuno diceva, nella donna più bella del Partito Comunista Italiano.

Giornalista, scrittrice, tra i fondatori del quotidiano il manifesto, nonché più volte deputata al parlamento italiano ed europeo, Luciana Castellina ha appena festeggiato i novant’anni; insieme ai suoi due figli Lucrezia e Pietro, nipoti e uno stuolo di amici.

Fra i suoi libri più letti: "La scoperta del mondo", "Cinquant’anni d’Europa", "Siberiana" e l’ultimo, particolarmente intrigante,"Amori comunisti".

È presidente onoraria dell’Associazione Ricreativa e Culturale Italiana (Arci) ed è stata candidata alle elezioni europee del maggio scorso per la sinistra greca di Syriza.

Tutt’oggi infaticabile, fra un treno e un aereo, sempre con la valigia in mano, Gianni Beretta l’ha intervistata nei nostri studi.

Ora in onda Radiogiornale In onda dalle 7:30
Brani Brani in onda Canibaile - Guinga & Maria Joao Ore 7:27