di Guido Piccoli

Patrimonio culturale

di Guido Piccoli

Patrimonio culturale

di Guido Piccoli

La fama attuale non è delle migliori. Per la forza della criminalità organizzata, che qui si chiama camorra. Per il dramma-business dell’immondizia che l’ha coinvolta e, fino a pochi anni fa, le ha sporcato l’immagine. E per diverse altre ragioni. Ma Napoli e anche una bellissima città, che possiede, oltre ad uno scenario naturale meraviglioso col Vesuvio e il golfo, anche un patrimonio culturale enorme, radicato e millenario. Con una particolarità unica al mondo: la città si è sempre sottomessa lungo tutti i secoli agli invasori di turno, dai Greci fino ai Savoia piemontesi (e almeno una decina d’altri) rimanendo, nel bene e nel male, sempre sé stessa. Culturalmente e anche materialmente: a Napoli, ad esempio, ci sono luoghi (piazze, strade, perfino cortili) dove sono presenti, l’uno sull’altro o accanto all’altro, i resti delle varie civiltà dominanti. Di tutto questo parlano, nel “Laser” curato da Guido Piccoli, l’assessore alla Cultura del Comune Nino Daniele , l’urbanista Italo Ferraro , il direttore del Museo Archeologico Paolo Giulierini , il presidente della Fondazione “Premio Napoli” Domenico Ciruzzi , Maria Francesca De Tullio dell’ex Asilo Filangieri e il giovane mandolinista Federico Maddaluno .
Ora in onda Rassegna stampa quotidiani In onda dalle 6:10
Brani Brani in onda The Yellow Rolls Royce - Riz Ortolani Ore 6:13