Quale impegno? Letteratura e realtà dalla metà del Novecento ai nostri giorni

di Brigitte Schwarz

Nel secolo scorso pensatori come Antonio Gramsci, Benedetto Croce, Julien Benda, Paul Nizan hanno meditato sul ruolo dell'intellettuale nella società ma è con Jean-Paul Sartre che questa riflessione, con cui in seguito i maggiori scrittori si confronteranno, diventa decisiva. Le linee del dibattito, con l’ingresso nella società industriale, arrivano a interessare il rapporto tra intellighenzia e società dei consumi, coinvolgendo gli intellettuali nell’analisi delle nuove tendenze e categorie sociali inaugurate dal neocapitalismo. Il legame tra letteratura e impegno ha vissuto fasi alterne e si è sempre ripresentato riaffiorando come un fiume carsico; dal neorealismo, allo sperimentalismo delle avanguardie, al disimpegno degli anni Ottanta sino alle nuove istanze post-umaniste e ecofemministe.

Ne parliamo con gli ospiti di "Moby Dick" Pierluigi Pellini, ha insegnato Letteratura italiana nelle Università di Grenoble, Ginevra e alla Sorbona e attualmente è Professore ordinario di Letteratura italiana contemporanea, Letterature comparate e Letteratura francese all’Università di Siena; Nicolò Scaffai, ha insegnato Letteratura italiana moderna e contemporanea all’Università di Losanna, dove ha diretto il Centre Interdisciplinaire d’Études des Littératures e coordinato il Pôle de recherche sur l’Italianité prima di trasferirsi a Siena dove attualmente insegna Critica letteraria e letterature comparate all’Università e dirige il Centro Interdipartimentale di Ricerca Franco Fortini; lo scrittore e critico letterario svizzero  Daniel de Roulet che, sull’arco di un ventennio, ha pubblicato numerosi romanzi, racconti di viaggio e saggi da Seuil, Payot, Zoè, Buchet-Chastel, tradotti in molte lingue, per i quali ha ricevuto numerosi riconoscimenti in Francia e in Svizzera.

Ora in onda Domenica in scena - Cuore di Reef In onda dalle 17:35
Brani Brani in onda Gare de Lyon - Dorsaf Hamdani Ore 17:27