Le stelle del pianoforte a Brescia e a Bergamo

di Giovanni Conti

Il Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo si avvicina al traguardo del suo 60esimo compleanno, inaugurando la prima parte di un programma biennale che ha come protagonista il Novecento. La 59esima edizione, dal titolo "Novecento Suite" sta muovendo i primi passi in questi giorni per durare fino al 18 giugno.

Il titolo scelto rispecchia la pluralità di voci che affollano la prima metà del secolo scorso, soprattutto nel periodo compreso tra la fine della Prima Guerra Mondiale e l’inizio della Seconda. In programma un viaggio musicale che avrà per protagonisti Ravel, Rachmaninov, Debussy, Gershwin senza dimenticare Bartók, Stravinskij e molti altri.

Per la prima volta il Festival articolerà il proprio tema su due anni: il 59° e il 60° Festival saranno concepiti come una grande antologia che percorrerà il Novecento.
Un biennio straordinario caratterizzato da importanti ricorrenze: nel 2022 il centenario della nascita del fondatore, il maestro Agostino Orizio, e nel 2023 la 60esima edizione e l’anno di Bergamo e Brescia Capitale italiana della Cultura.

Luisa Sclocchis ha intervistato il direttore artistico Pier Carlo Orizio.