Sigmund Freud, aggettivo utilizzato nel suo saggio
Sigmund Freud, aggettivo utilizzato nel suo saggio "Il Peturbante" (1919) (Keystone)
null

Perturbante

di Monica Bonetti

VOCI DIPINTE
Domenica 15 ottobre 2017 alle 10:35

È passato un secolo da quando nella moderna psichiatria ha fatto la sua comparsa il concetto di perturbante. Un termine a cui si sono associati una serie di sentimenti che vanno dal turbamento, all’inquietudine, fino alla vera e propria paura, provati nel trovarsi di fronte a ciò che ci è estraneo, poco familiare o inaspettato.

In una società come la nostra, scossa da mille inquietudini e in perenne mutamento e dove l’esperienza con ciò che ci è poco familiare diventa sempre più la norma, il tema del perturbante non può che tornare di grande attualità.

Ed è dietro la suggestione di una doppia mostra realizzata ad Ascona in collaborazione tra il museo comunale d’arte moderna e la fondazione Monte Verità dedicate al rapporto tra arte e perturbante che “Voci Dipinte” ha deciso di dedicare una puntata a questo tema invitando Viana Conti, curatrice di una delle mostre di Ascona e il musicologo e compositore Massimo Pastorelli a raccontare come gli artisti - sensibili sismografi degli orientamenti socio culturali del nostro tempo – illustrino nelle loro opere lo spaesamento di una società globalizzata in perenne transito.