Attivisti...in musica

di Patricia Barbetti e Giovanni Conti

«Sta a noi prendere posizione e pretendere che smettano di ucciderci», ha detto Beyoncé nel 2016. E quando una delle più grandi pop star al mondo inizia a parlare come un’attivista, ci si chiede se il terreno fertile delle canzoni di protesta possa tornare a fiorire ai giorni nostri.

Dagli anni ‘70 in avanti, alcuni dei più importanti nomi della scena internazionale hanno affrontato e trattato in musica lo spinoso argomento della coercizione e delle restrizioni imposte dai poteri forti alla popolazione, in nome di un cosiddetto bene comune. Attraverso incursioni negli ultimi decenni della migliore scena folk rock angloamericana, si esplora il modo in cui questo spinoso argomento ha dato spesso vita a capolavori assoluti.

Patricia Barbetti e Giovanni Conti ne parlano con Benedicta Frölich, biografa e scrittrice, giornalista freelance appassionata di cultura e musica angloamericana e con Franco Fabbri, musicologo e musicista, pioniere degli studi sulla popular music.