Il papa ultimo pacifista? - Un ponte di solidarietà - Intervista al cardinale Souraphiel

di Corinne Zaugg, Luisa Nitti e Gioele Anni

  • Condividi
  • a A

Il papa, l'ultimo pacifista? di Corinne Zaugg
La guerra è divisiva, questo lo si sa. Ma lo è anche la pace, viste le diverse forme che questa assume quando le bombe cadono per davvero. Si può rimanere pacifisti anche in tempo di guerra? Il papa dice di sì. Con il direttore del quotidiano dei vescovi “Avvenire”, Marco Tarquinio, andiamo ad indagare le radici di questo “sì”.

Un ponte di solidarietà, di Luisa Nitti
Dalla Polonia a Lugano: sono più di cento le donne ucraine con bambini arrivate in salvo in Ticino grazie a un progetto di carattere privato, che ha subito trovato grande riscontro nella società civile e nelle chiese. Intervista con Diana Majocchi Karfik, che organizza questi viaggi di solidarietà, per chi fugge dalla guerra in Ucraina.

Intervista al cardinale Souraphiel, di Gioele Anni
In Etiopia, un Paese dove i cattolici sono meno del 2% della popolazione, Papa Francesco ha voluto nominare un cardinale della Chiesa di Roma. È monsignor Berhaneyesus Souraphiel, arcieparca di Addis Abeba. Pace, dialogo tra le religioni, migrazioni e la sua storia di prigionia e riconciliazione: questi gli argomenti al centro dell’intervista.