A Losanna si raccomanda di non consumare uova e cucurbitacee di determinate aree (keystone)

Diossina a Losanna... e forse altrove

Dopo il caso vodese, interrogativi sull'inquinamento provocato dagli inceneritori ora dismessi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Inquinamento da diossina nel suolo di Losanna in conseguenza all’attività di un vecchio inceneritore di rifiuti dismesso oramai da diversi anni. Se ne discute da alcuni giorni. In base alle analisi rese note dalle autorità cantonali vodesi, la zona inquinata si estende su buona parte della città e le sostanze inquinantiraggiungono livelli anche inattesi nelle zone più colpite.

Una situazione inedita in Svizzera, dove ora ci si interroga sulle condizioni del suolo nelle vicinanze degli altri ex impianti di incenerimento. In Ticino, prima di quello attualmente in funzione a Giubiasco, ce n’erano due - uno a Bioggio, uno a Riazzino - e il Cantone si è già mosso per procedere a delle verifiche. Ma perché queste verifiche giungono solo ora? Che cosa dire della salute del nostro suolo e che cosa dire del fenomeno dell’“inquinamento diffuso”? Come è monitorata la presenza di sostanze inquinanti nel terreno? In quale misura queste sostanze possono perturbare la sicurezza alimentare?

Ne discutiamo con:
Nicola Solcà, capo Ufficio della gestione dei rischi ambientali e del suolo, Canton Ticino
Nicola Forrer, Chimico cantonale, Canton Ticino
Daniele Polli, segretario associazione Okkio e Associazione Piano di Magadino
Francesco Maggi, responsabile Wwf Ticino

Modem su Rete Uno alle 8.20, in replica su Rete Due alle 19.25. Ci trovate anche sul Podcast e sulle app: RSINews e RSIPlay