Edizione del 29.11.2017

Lugano Airflop?

Grounding, o poco ci manca! In poche ore, Darwin Airline si è trovata senza liquidità finanziaria; ha quindi dovuto annunciare una moratoria concordataria per almeno prorogare il fallimento; infine si è vista sospesa l’autorizzazione di esercizio dall’Ufac, l’Ufficio federale dell’aviazione civile. E martedì 28 novembre i voli di Darwin Airline sono stati cancellati. A rischio i 220 posti di lavoro attuali alla Darwin, e 100-120 la cifra annunciata di quelli che saranno probabilmente soppressi.

A seguire con preoccupazione gli sviluppi di questa vicenda c'é anche la dirigenza dell'aeroporto di Lugano, che già da oltre un mese sta cercando delle soluzioni alternative per il volo su Ginevra. Un altro duro colpo per Lugano Airport, da anni nelle cifre rosse, e in un momento di grandi cambiamenti nel trasporto aereo regionale, con le compagnie aeree in aperta competizione nel contendersi le poche rotte redditizie, i passeggeri in calo.

Tanto che, l’aeroporto di Lugano-Agno (una società anonima interamente pubblica: l’87,5% in mano alla Città e il 12.5% al Cantone) si trova più che mai oggi di fronte a un bivio. Da anni ormai, dopo gli anni d’oro della Crossair, la parola rilancio è diventata un mantra, ma sempre un miraggio. Finora, infatti, è stato impossibile mettere d’accordo la società di gestione (della Città di Lugano) in primis, con i molti (troppi?) attori proprietari delle necessarie strutture di servizio che fanno vivere e prosperare un aeroporto.

Le critiche incrociate nei cieli di Airport Lugano non risparmiano nessuno: la Città, senza una visione strategica; il Cantone, assente; lo scontro tra le compagnie aeree che pregiudica la continuità dei collegamenti aerei; gli agognati investitori privati che restano per ora potenziali; i proprietari delle strutture di supporto, poco inclini verso un obiettivo comune. Senza dimenticare l’interrogativo di fondo: gestione pubblica o tutto ai privati?

Modem ne parla con:
Maurizio Merlo, direttore dell’aeroporto
Marco Borradori, sindaco di Lugano
Marco Romano, presidente Aspasi, l’associazione dei passeggeri aerei
Martino Rossi, economista, ex capogruppo Ps in Consiglio comunale a Lugano

Ogni centesimo conta

Seguici con