Luca Divecky (Keystone)

Medaglie sofferte

La ginnastica ritmica e artistica nazionale nella bufera dopo la denuncia delle umiliazioni subite dalle giovani atlete

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

A Modem si torna a parlare di mobbing e umiliazioni, ma qui anche e forse soprattutto di salute e sport d’élite, affrontando l’altro capitolo, oltre al caso Rts, che in questi giorni interessa la realtà elvetica: la bufera che ha travolto il mondo della ginnastica ritmica e artistica nazionale. Allenatori licenziati, quadri dirigenti allontanati e a fare da sfondo le sofferenze confessate da alcune ragazze al termine della loro carriera. In un’intervista lunedì la Consigliera federale Viola Amherd ha detto a chiare parole che nessuna medaglia può valere concessioni in termini di salute o di etica. Allora, giovani sportivi di alto livello: quali le gioie, quali i dolori e come riequilibrare le cose se correttivi ci vogliono?

Ne discutiamo con:
i responsabili del settore ginnastica ritmica e artistica in Ticino Susy Chiaravalloti e Fulvio Castelletti;
Peter Jenoure, medico dello sport
Mattia Piffaretti, psicologo dello sport.
Intervista registrata a Fabio Corti, neopresidente (dal 2021) della Federazione svizzera di ginnastica.

Modem su Rete Uno alle 8.20, in replica su Rete Due alle 19.25. Ci trovate anche sul Podcast e sulle app: RSINews e RSIPlay