Dall’economia all’educazione

Jon Domenic Parolini, dal primo gennaio cambierà dipartimento

venerdì 28/12/18 19:10
Edizione del 28.12.2018

Il 2018 per Jon Domenic Parolini sarà un anno che rimarrà impresso nella sua memoria politica e personale. Il suo nome è stato fatto in relazione allo scandalo appaltopoli degli accordi cartellari nel settore dell’edilizia retica, il suo partito – quello Borghese democratico – ha perso per strada un candidato al Governo e proprio in quello stesso Governo Parolini è stato riconfermato per una manciata di voti. Con la fine dell’anno e l’inizio 2019, l’ex sindaco di Scuol si prepara ad affrontare una nuova sfida: la direzione del Dipartimento educazione, cultura e protezione dell’ambiente. E così, un dicastero che negli ultimi 20 è stato in mani socialiste passa ad un politico borghese. Toccherà a Parolini gestire le scuole, da quelle popolari obbligatorie a quelle secondarie. Senza dimenticare quelle della formazione professionale. Ma anche sostenere la promozione culturale distribuendo fondi. A tutto ciò si aggiunge anche l’incarico di Presidente dell’Esecutivo grigionese con i compiti di dirigere le riunioni settimana e di rappresentare il Cantone all’esterno.

 

Mare di plastica

Seguici con
Altre puntate