Atlas Clouds (Atlas Clouds)

Atlas Clouds

Aftermath, di Sandra Romano e Marco Kohler

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Musicista, cantante e polistrumentista, Christopher Meier ne ha fatta di strada. Ha vissuto e assorbito la tradizione musicale spagnola, argentina e egiziana, eppure la sua musica non risente di quelle influenze. Il suo alter-ego musicale Atlas Clouds è un unicum pop-elettronico moderno che ti fa rimbalzare con finezza tra la malinconia e l’oscurità. Un trip rilassante che ti cattura e non ti molla più. Quando finiscono le 5 canzoni del suo EP Aftermath (2020 Waterfall Of Colours) è come se ti avessero tolto il cibo di bocca proprio mentre iniziavi a gustartelo. Atlas Clouds è un ibrido in cui convivono l’anima del cantautore, l’elettronica e le ritmiche contemporanee. La voce di Meier, morbida e oscura, perfettamente intrecciata nella musica e nei riverberi di questo piccolo ma intenso disco Svizzero, dona alla musica un sapore epico.