Brainchild (© Julian Powell Photography)

Brainchild

Heartbreak Horizon, di Marco Kohler e Sandra Romano

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il pop svizzero passa attraverso i Brainchild. Dalla sorpresa del singolo “Shadows of dancer”, passando dal grande successo di “Unicorn” e poi alla ballata “Heart of Mine” uscita prima di Natale, nel giro di 6 mesi il quartetto basilese si è affermato come una delle realtà pop più consistenti e apprezzate del nostro paese. Non esiste una ricetta, la differenza sta negli ingredienti di prima qualità, come la voce calda e calmante di Antonin Queloz e il talento della band per l’arrangiamento. Il primo album “Heartbreak horizon” (2021 Orange Peel Records) è un disco variato che mette bene in mostra le sfaccettature musicali dei Brainchild. Sandra Romano ha incontrato a Zurigo il cantante e autore Antonin Queloz. Prima dell’intervista la musica di Jessiquoi, Andrea Bignasca, Adriano Koch, Vaniggio e Laddermen. La chiusura è con Nadja Zela, ospite della puntata successiva.