Kejnu (© Kejnu)

Kejnu

Fake Eyebrows, di Marco Kohler e Sandra Romano

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Kejnu è l’alteregro musicale del polistrumentista e artista multimediale zurighese Nuél Schoch. La sua benzina è la passione; quella spinta, quell’urgenza che sin da piccolo, ignaro dei motivi, ti spinge verso un mondo che non sai definire ma che sogni di esplorare.

Da un annetto a questa parte, Kejnu lascia di nuovo delle tracce musicali, dopo oltre 6 anni di silenzio discografico. Siamo in un cosmo che spazia dall’indie al dream pop, dall’elettronica al post-rock, e sopra c’è sempre la sua voce sognante e solenne. Le sei canzoni uscite negli 12 mesi compongono “Fake Eyebrows”, un EP pubblicato da Mouthwatering Records.

Prima dell’intervista la musica di Black Sea Dahu, Arthur Hnatek & Taut, Pablo Infernal, Lena Minder e Melodiesinfonie. La chiususra è con Odd Beholder, ospite della puntata successiva.