Sam Himself (© Annie Forrest)

Sam Himself

Slow drugs, di Sandra Romano e Marco Kohler

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Sam non era mai stato in Svizzera così a lungo da quando ha scelto di vivere a New York. Ci era andato tanti anni fa perché amava l’inglese e voleva fare la sua musica nella grande mela.

Dopo tutto questo tempo si è fatto un nome là e si è fatto un nome qua. Il lockdown lo ha costretto a prolungare la sua permanenza a Basilea, durante la quale ha pubblicato il suo nuovo EP Slow drugs (2020 Sam Himself). Sam Himself è sempre lui, esuberante di energia, originale, new wave, romantico e con quell’allure così magnetica che Brooklin senza dubbio ha contribuito a plasmare.

Ne parliamo con Sam Himself, gradito ritorno a Confederation Music.