A 60 km/h in autostrada quando il traffico è congestionato: siete favorevoli, contrari o possibilisti all’idea dell’USTRA?

Con Antonio Bolzani

  • Condividi
  • a A

Siete favorevoli, contrari o possibilisti ad un abbassamento della velocità in autostrada nelle situazioni di traffico intenso e congestionato? L’USTRA sta valutando questa possibilità e non esclude dei limiti al di sotto degli attuali 80 km/h. Il limite di 80 chilometri orari in autostrada è una misura che in Svizzera viene già applicata, quando serve, per fluidificare il traffico. I risultati ottenuti sono positivi secondo l’Ufficio federale delle strade (USTRA) che sta ora appunto valutando un'ulteriore riduzione a 60 chilometri orari. "Vogliamo esaminare se gli 80 chilometri orari sono sempre la soluzione migliore -ha spiegato il portavoce dell'USTRA, Thomas Rohrbach-, alle volte potrebbe essere più sensato un 90 km orari, in altre 70, qualche volta, su certi tratti e provvisoriamente, magari 60. Sono due anni che facciamo queste valutazioni". Un'ipotesi insomma ancora allo studio prima di decidere se concretizzarla. L'idea però non piace a chi rappresenta gli interessi degli automobilisti svizzeri, come il Touring club svizzero (TCS). "Introdurre il limite di 60 km/h in autostrada la renderà meno attraente –ha affermato il portavoce Laurent Pignot- e questo comporterà forzatamente un aumento del traffico nelle città e nei paesi. In Svizzera infatti l'autostrada non è solo usata per percorrere le lunghe distanze ma funge anche da via alternativa alle città". Eppure, qualcosa va fatto: l'anno scorso si sono create 32'000 ore di coda sulle autostrade elvetiche, il doppio rispetto a 10 anni fa. "Le code costano soldi all'economia e a noi tutti", ha proseguito il portavoce dell'USTRA: "Si stima circa 2 miliardi di franchi all'anno. Si tratta quindi di rendere il traffico più fluido e di evitare le code. Si può fare con una gestione del traffico, anche attraverso la velocità, o potenziando l'infrastruttura". "Solo un adeguamento delle infrastrutture stradali tempestivo, adeguato e specifico, può risolvere questo problema", ha replicato tuttavia il portavoce del TCS. E proprio su questo punto c’è chi la vede diversamente: l'ATA, l’Associazione Traffico e Ambiente, sta valutando un'iniziativa per bloccare il potenziamento delle strade nazionali, una sorta di moratoria per risanare ma non per ampliare. Dite la vostra allora su questa ipotesi allo studio di ridurre, sulle autostrade, il limite a 60 km/h nelle situazioni e nei momenti di traffico intenso e congestionato, telefonandoci, in diretta, allo 0848 03 08 08. Si rischia davvero un aumento del traffico nelle città e nei paesi oppure questa misura servirà come disincentivo all’uso dell’automobile privata e migliorerà, nel contempo, la fluidità e la scorrevolezza del traffico?