Alimentazione e flora batterica: quali probiotici scegliere per la salute dell'intestino?

Con Antonio Bolzani

giovedì 23/11/17 13:00
Alimentazione e flora batterica: quali probiotici scegliere per la salute dell'intestino?

La nostra salute passa anche dall’intestino: ne parliamo oggi, approfondendo alcuni temi legati sia a questo apparato e alla sua flora sia alla nostra coscienza nutrizionale. L’intestino è l’apparato più antico dell’organismo e si è evoluto in un mondo dominato dai batteri con i quali ha realizzato una condizione di convivenza e di reciproco vantaggio meglio conosciuta come simbiosi.

Ma più in generale, quale idea abbiamo dei batteri? Per lo più li consideriamo come dei nemici invisibili da combattere con ogni mezzo, nemici invisibili che provocano malattie. Ma ci sono batteri che sono nostri amici, anzi tanto amici da essere - sembra paradossale - indispensabili per vivere in buona salute? Sì, e sono tantissimi. Alcuni loro nomi forse ci sono familiari, li abbiamo sentiti o letti nelle pubblicità, i loro nomi li leggiamo sui vasetti dello yogurt: lattobacilli e bifidobatteri, sono tra quelli più citati. Sono insomma tantissimi i batteri che ci fanno stare in salute. E dove sono? Nell'ambiente in cui viviamo? In quello che mangiamo? Non solo, sono già nel nostro corpo, fin da quando siamo nati e ci accompagnano per tutta la vita.

A questo proposito oggi spieghiamo quali sono i batteri amici della salute che stanno nell'intestino; l’importanza dell'alimentazione nel mantenere intatti e attivi questi batteri amici; cosa succede quando l'equilibrio tra i batteri amici si rompe; cosa sono e a cosa servono i probiotici (e quali sono i loro principi) e come possono essere usati in maniera corretta per mantenere l'equilibrio tra i batteri utili, dando così una mano per curare, prevenire e ridurre il rischio di molte malattie.

Ospiti:
Dott. Luciano Lozio, laureato in farmacia e studioso del microbioma
Dott. Francesco Volonté, chirurgo viscerale
Sergio Sciancalepore, giornalista scientifico

Un'estate con la RSI

Seguici con