(iStock)

Il frantoio degli amici

Con Lara Montagna

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
 

Anche in Svizzera esistono olivi e olivicoltori, nonostante il nostro paese sia conosciuto per altri prodotti, il clima temperato che regna sovrano attorno al lago di Lugano ha favorito lo sviluppo dell’olivo, la cui traccia più antica è attestata in atti di proprietà risalenti all’anno 769.

Nella puntata de L’Ora della Terra di domenica 18 ottobre 2020, andremo a Sonvico, dove insieme agli Amici dell’Olivo scopriremo il piccolo frantoio dove Ennio Bianchi coltiva i suoi 130 ulivi, ma non solo, coltiva anche un piccolo orto, alleva galline, pecore e tacchini. Ogni anno il frantoio è a disposizione di chi lo desidera (olivicoltori-hobbisti) per la spremitura delle proprie olive. Quest’anno l’apertura al pubblico è prevista per sabato 17 ottobre e domenica 18, in diretta ne L’Ora della Terra assisteremo alla prima spremitura della stagione 2020.

Sarà l’occasione per scoprire anche come si degusta l’olio d’oliva (attraverso un’attenta analisi olfattiva, gustativa e visiva) insieme a Mario Piazzini, vice presidente dell’Associazione Amici dell’Olivo e degustatore. Non mancheranno i tre esperti de L’Ora della Terra per rispondere alle domande del pubblico da casa.