Coscienza Svizzera, 70 anni in difesa delle diverse identità elvetiche

Con Nicola Colotti

mercoledì 21/02/18 11:05
Coscienza Svizzera, logo Coscienza Svizzera, 70 anni in difesa delle diverse identità elvetiche, 21.02.18

Si definisce come gruppo di riflessione apartitico che mira a tener vivi il senso civico e la sensibilità verso le sfide di una Svizzera in cammino con l’intento di offrire un proprio contributo alla difesa e al promovimento delle diverse identità, lingue e culture presenti nel Paese. Il Paese è la Svizzera e il Gruppo si chiama appunto Coscienza Svizzera e quest'anno festeggia i 70 anni di esistenza. Quando nacque, nel 1948, la Svizzera e l’Europa appena uscite dalla tempesta della guerra erano molto diverse da come le interpretiamo oggi. Eppure il moto ideale che spinse i promotori di Coscienza Svizzera – quello cioè di diffondere il senso civico fra la popolazione della Svizzera italiana guardando al resto del Paese e del Continente – appare più che mai attuale. In un contesto politico ed economico radicalmente mutato in cui l’incertezza e il ripiegamento su sé stessi rendono più fragili i legami e la solidarietà che stanno alla base del federalismo elvetico, la riflessione su cosa sia la Svizzera e su quali siano i legami che la tengono insieme, nella diversità culturale che la contraddistingue, appare più che mai attuale.

Ospiti:
Remigio Ratti
, presidente di Coscienza Svizzera
Raffaella Adobati Bondolfi, membro di comitato di Coscienza Svizzera e capoprogetto “Parlo un’altra lingua, ma ti capisco
Alessio Petralli, esperto di linguistica, membro di comitato di Coscienza Svizzera
Orazio Martinetti, storico, giornalista, saggista

I Mondiali alla RSI

Seguici con