Cyberincognite del terrorismo contemporaneo

Con Nicola Colotti

martedì 12/01/16 11:15

 

La paura di attacchi terroristici, soprattutto dopo gli attentati di Parigi e la dilagante inquietudine che ne è derivata, spingono verso la ricerca di soluzioni rapide di intervento e prevenzione da parte di governi ed esperti. In particolare nel campo delle tecnologie digitali a cui spesso facciamo riferimento come una possibile pericolosa arma di propaganda e reclutamento.

C’è addirittura chi propone dei limiti all’uso di internet e vorrebbe impedire l’accesso a chi è ritenuto pericoloso. E chi più modestamente si chiede perché non si riesce a “prevedere” e prevenire atti terroristici come quelli dello scorso gennaio e novembre a Parigi.

Quali considerazioni trarre dalla ridda di proposte e pareri circolati in queste settimane (anche attraverso internet!)? Come la vedono gli esperti di tecnologie digitali? Sentiamo il loro parere e qualche consiglio. 

Ospiti:
Paolo Attivissimo, Angelo Consoli e Alessandro Longo

Europa League, Lugano & Young Boys: alla RSI

Seguici con