I nativi digitali sui banchi di scuola

Con Alessandro Bertellotti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
 

Smarthphone e Tablet accompagnano la vita degli adolescenti e di tanti bambini, spesso in modo esagerato. E' la realtà dei nativi digitali o i "nati con la tastiera in mano" che nella loro breve esistenza acquisiscono competenze di cittadinanza attraverso strumentazioni e linguaggi sempre nuovi e aggiornati. Per i docenti diventa fondamentale avvicinarsi alla tecnologia per capire meglio il mondo degli alunni e usare terminologie e espressioni attuali per migliorare il processo di insegnamento e apprendimento. Ne parliamo con Daniele Parenti, Direttore del Centro di risorse didattiche e digitali del DECS e con Nicola Gianini, educatore e autore del "Progetto nativi digitali" che propone una lettura inusuale del rapporto che ci lega agli smartphone dove s'intrecciano la zooantropologia, le scienze cognitive e la primatologia alla ricerca dei motivi all'origine della più grande rivoluzione degli ultimi dieci anni.