Femtoprint di Muzzano (®FEMTOPRINT)

In diretta dalla Femtoprint di Muzzano

Con Antonio Bolzani

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La rivoluzione elettronica che ha introdotto le tecnologie digitali e l’automazione evolve e si espande e così dal mercato escono delle invenzioni che a poco a poco trovano sempre più i loro spazi e i loro sbocchi grazie ad una tecnologia sempre più sofisticata e precisa: potremmo partire da qui per presentare la produzione della Femtoprint, una start up che si è poi trasformata in un’azienda consolidata, presente a Muzzano dal 2014, e dalla quale vi proponiamo la puntata odierna.

L’obiettivo di questa azienda è sviluppare e vendere dei macchinari che sfruttano la tecnologia innovativa delle stampanti 3D attraverso la quale si possono produrre dei dispositivi in vetro o in altri materiali trasparenti come ad esempio lo zaffiro.

In sintesi, l’uso di questa tecnologia di nuova generazione serve a modellare, a fabbricare e a sviluppare dei microdispositivi stampati tridimensionalmente nel vetro o in altri materiali trasparenti. Grazie a un'apposita stampante laser, l'azienda è in grado di produrre dei complessi dispositivi utilizzabili nei più svariati settori, come ad esempio nel campo ottico (microlenti per camere), nell’industria dell’orologeria (microingranaggi) e nel settore biomedico (microcateteri). L’azienda offre anche delle soluzioni di microfabbricazione per laboratori, università e centri di ricerca esterni.

Il prefisso “femto” è il primo elemento di parole composte della terminologia scientifica che, anteposto a una unità di misura, la moltiplica per 10, cioè un milionesimo di miliardesimo. In sintesi possiamo dire che la Femtoprint va a tre velocità: quella immediata, quella del percorso di sviluppo e quella della ricerca esplorativa.

Ci addentriamo nella storia, nella filosofia di lavoro e nella produzione di questa azienda.

Ospiti:
Ing. Nicoletta Casanova
, CEO dell’azienda Femtoprint SA
Andrea Lovera
, responsabile del settore ricerca e sviluppo
Emanuele Carpanzano, direttore del Dipartimento tecnologie innovative della SUPSI