L’economia ticinese nel… bicchiere della statistica

Con Nicola Colotti

venerdì 11/05/18 11:05
Glauco Martinetti, Presidente della Camera di Commercio, Marc Bros de Puerchredon, direttore e Presidente di BAK Economics AG e Luca Albertoni, direttore della Camera di commercio L’economia ticinese nel… bicchiere della statistica

Nel presentare a fine marzo lo studio di BAK Economics dal titolo Lo sviluppo economico del Canton Ticino nel confronto internazionale relativo al periodo 2005-2016, la Camera di Commercio, dell’Industria, dell’artigianato e dei servizi del Canton Ticino commentava: “L’economia ticinese nel corso degli ultimi anni si è sviluppata in modo dinamico e con una crescita durevole malgrado le crisi e le difficoltà settoriali”. Da un’altra ricerca dall’Ufficio di Statistica di Bellinzona i cui dati sono stati resi noti recentemente risulta che nel confronto svizzero il Ticino risulta essere – tra il 2011 e il 2015 – il Cantone più dinamico per creazione di nuove aziende, posti di lavoro e aumento del PIL (+8%).  Questa la parte (statistica) del bicchiere mezzo pieno. Poi c’è quella per così dire mezza vuota relativa alla fragilità del tessuto economico di una regione, la Svizzera italiana, che subisce forti pressioni (con effetti non trascurabili sulla perdita di potere d’acquisto dei dipendenti) dalla concorrenza internazionale, dall’aumento costante del numero dei frontalieri e dalla perdita di posti di lavoro nel settore bancario. Prima di essere uno scontro tra ottimisti e pessimisti, tra opposti punti di vista, è utile che il dibattito parta dai dati reali e dalla loro corretta interpretazione affinché il… bicchiere non sfugga di mano cadendo e infrangendosi.

Ospiti:
Luca Albertoni, direttore della Camera di Commercio, dell’Industria, dell’artigianato e dei servizi del Canton Ticino
Marc Bros de Puerchredon, direttore Presidente di BAK Economics AG
Sergio Rossi, professore di Economia politica e monetaria all’Università di Friborgo
Christian Vitta, Direttore del Dipartimento ticinese delle Finanze e dell’Economia

Siamo la Svizzera: uniti nella diversità

Seguici con